🔐SONO INIZIATE LE VENDITE PRIVATE RISERVATE AGLI ISCRITTI🔐

Scopri

Senza soffritto, in pentola a pressione si può

Wed May 04 2016

Cerchiamo il gusto, ma non rinunciamo alla leggerezza! Ecco qualche idea in più per non restare delusi a tavola.

Per chi vuole la leggerezza, cottura a vapore innanzitutto

Una delle virtù più note della pentola a pressione è la capacità di cuocere a vapore, cioè senza far uso di grassi. Questo dà la possibilità di condire i cibi a crudo. In più le pietanze cotte a vapore non perdono nell’acqua le proprietà nutrienti, conservano un sapore più vivo e una consistenza più tenera e compatta di quelle lessate in modo tradizionale. Insomma il loro gusto è intatto e la digeribilità garantita.

Tutto a crudo, senza soffriggere

Se si cerca la leggerezza, il vapore non è però l’unica strada. Si può per esempio rinunciare senza sofferenza a quella che è forse la base culinaria più diffusa nella tradizione italiana: il soffritto. Per alcuni un sugo di pomodoro e un ragù di carne non sono neppure immaginabili senza soffritto. Quello tradizionale, tuttavia, fatto con cipolla, sedano, carota o con la sola cipolla e, ovviamente, uno o più cucchiai d’olio, può essere nocivo sia per chi deve limitare il consumo di grassi, sia perché in generale l’olio raggiunge alte temperature sprigionando sostanze potenzialmente tossiche per l’organismo.

È davvero necessario rinunciare al gusto?

Assolutamente no. Nella pentola a pressione è possibile preparare un ottimo sugo di pomodoro, un ragù e persino un risotto senza soffriggere. Basta porre la pentola sul fornello a fiamma bassa e inserirvi uno dopo l’altro il condimento e gli ingredienti della ricetta, allargandoli con un cucchiaio di legno in modo che si dispongano su tutta la superficie del fondo diffusore il quale — ricordiamolo — distribuisce in modo uniforme il calore senza far “bruciacchiare” i cibi. Si aggiungono subito l’acqua o il brodo, si chiude il coperchio, si alza la fiamma per portare la pentola in pressione e si cuoce.

Prima di servire, a fuoco spento sarà possibile aggiungere un goccio d’olio a crudo nel nostro sugo o mantecare il risotto secondo la ricetta. Il gusto sarà garantito.

Una dritta in più per la digeribilità.

Se la cipolla vi risulta pesante anche senza soffriggerla, affettatela e immergetela per circa mezz’ora in acqua tiepida con qualche goccia di aceto, quindi tritatela. Sarà molto più digeribile.

Iscriviti alla newsletter della Community Lagostina! Ricevi l’accesso esclusivo alle vendite private estive, uno sconto esclusivo sui tuoi prossimi acquisti e molti altri vantaggi!